Diario di una rompiballe senza arte nè parte: una valvola di sfogo contro il logorio della vita moderna per me che non bevo il Cynar


sabato 8 gennaio 2011

La spesa puzzolente

Dal 1° gennaio, come sapete, sono state bandite le buste della spesa di plastica da tutti i supermercati italiani. Gli sarà concesso di smaltire le ultime rimanenze e poi via libera al biodegradabile, alla stoffa, alla carta ecc ecc
Da qualche tempo ho preso la bella abitudine di portarmi dietro una borsa dove mettere i miei acquisti, e nel caso che la mia spesa finale sia in eccesso, mi faccio dare una borsa in più. Oggi pomeriggio mi sono recata alla Coop per la mia spesuccia di fine settimana, ho preso tutto ciò che mi serviva e anche di più, quindi vado alla cassa e prendo una di quelle belle nuove ecologiche borse biodegradabili da riutilizzare per i rifiuti umidi. Pago, tutta felice di vedere che un mondo più pulito è possibile.
Vado alla macchina. Apro la portiera e inizio a sentire un odorino strano. Ma cos'è? mio figlio no, è da un pezzo che ha imparato ad avvisare quando gli scappa. Annuso l'aria, ma apparentemente sembra ok. Metto il naso dentro alla macchina ormai carica e sento l'odorino. Oddio, sta a vedere che ho comprato qualcosa di andato a male...ah ma adesso mi sentono quelli là, con tutto quello che ho speso! Annuso dentro alla mia borsa portata da casa e ricolma di prodotti...no, tutto ok. Annuso l'altra, e un odore tipo di carne marcia mi invade le narici. Tiro fuori dal sacchetto la carne, ma quella è ok e il resto non è niente di particolare che possa provocare quell'odore...boh me ne vado a casa. In macchina non vi dico il "profumo".
Una volta a casa tiro fuori tutto e annuso per bene, tutto ok. Ma, ma, ma...vuoi vedere che è il sacchetto biodegradabile? eh già, è proprio quello!
Ho scoperto, a mie spese (è il caso di dirlo), che la coop utilizza i sacchetti mater-bi, un materiale fatto di amido di mais, di patate o di grano allo stato naturale.....andato a male, aggiungerei io.
E così inizia il 2011: un anno un pochino più ecosostenibile, ma decisamente puzzolente, come a voler rimarcare che tanto tutto ciò che si compra alla fine si butta via.


Nessun commento: